LiminalIrish design at the threshold

ID2015.


Liminal
Milan
April 14-19th


Share Share on Facebook Share on Twitter Share on Google+ Share on Google+


Louise Allen Irish Design 2015

By Louise Allen

The opportunity to juxtapose a diverse range of skills, materials, references and perspectives to enrich the design process and to trace their evolution over a period of time is an engaging proposition. Liminal provides the impetus and space for a series of design led collaborative relationships to emerge during Irish Design 2015.

By its nature, collaboration demands a level of trust and openness: there can be unknowns, surprises and unintended outcomes. We have selected and invited designers to work together with a purpose and a collective determination to create a narrative between their own creative process and one that is influenced by parameters of partnership, time and material.

Liminal intentionally sets out to challenge the norm, to present work that asks questions of design week audiences, and invites them into a collaborative conversation. The nascent design collaborations represented in Milan range across the breadth of the design spectrum. The projects vary significantly in their context, purpose and ambition. They range from future focused speculative works intended to be experimental in nature, to very significant commercially driven partnerships. Some such as Kelp, a collaboration between Designgoat and chef Katie Sanderson, are playful interventions that literally offer a ‘taste of Irish design’, with seaweed cured trout presented as a starter course served in specially designed vessels. The portable Calor Mini BBQ by Design Partners is a commercial venture with broad appeal; it speaks to multiple demographics from mobile urbanites with a taste for food and adventure to families who enjoy dining al fresco. The collaboration between Think & Son (designer Annie Atkins and writer Eoghan Nolan) and Seymours Irish Biscuits offers something sweet designed to narrate whimsical stories from Irish culture and tell some tall tales from our not too distant past.

Narrative and story telling is deeply embedded in Irish design and culture. Many compelling stories have emerged such as that of Mourne Textiles. In 1951, the Mourne Milano rug, designed by Gerd Hay-Edie, the founder of Mourne Textiles, was exhibited at the Triennale di Milano, as part of a room display with furniture by Robin Day, where it won the silver medal. This same rug along with hand woven Mourne Check and Mourne Mist furnishing fabrics designed in 1952 by Hay-Edie, has been brought back into production, it is being brought to Milan once again through a collaboration with Notion design studio, creating a subtle, nuanced harmony between furniture and furnishing.

Peter Sheehan and Cathal Loughnane are exhibiting the History Chair a fully resolved fusion of function, emotion, technology, human connection, mastery of materials and story, inspired by the striking sense of self that older people acquire through life experience, reflecting a history that is imbued as something precise and enduring. The emotional impact of remembering and reliving a defining moment in our lives is the basis of inspiration for their newest collaboration ibi. Designed as a precious and personal object, it allows an individual, through a simple gesture, to be immediately transported back to a time and a place. Ibi is presented alongside the exquisite glass Empire lighting range designed by Bickers and Rothschild.

Narrative is strongly reflected in the work of Patrick Stevenson Keating of Studio PSK who responds to conversations with journalist Fintan O’Toole on the speculative future of Ireland. The conversations around the theme of ‘Living’ relate to everyday subjects such as food, housing and leisure, all of which may be radically transformed through design led technological advancement. This messaging is implicit in the objects on display created using Mcor Technologies full-colour and eco-friendly 3D printers.

Design Partners ability to provide solutions across the spectrum of design disciplines from product to digital is evidenced in their range of products including the Le Cresuet ‘Activ-Ball’ wine opener. It is apt that Milan provides the venue for the unveiling of a new technology the result of a collaboration with Seed Labs that will revolutionise how we interact with our living and workspaces.

Navigating Ireland’s journey from the past to the future is reflected by the work of Zero-G whose project starting point is Ireland’s 1937 constitution. Over a period of months, Zero-G will map the evolution of Ireland’s legislative, judicial, executive and local governmental structures to create a nuanced and layered infographic that conveys complex data in a single view. The challenge of capturing and conveying information is the focus for Smarter Surfaces, who have developed a range of products that transform any wall into a whiteboard, a magnetic surface or a projector screen, and are proving very popular with architects and designers worldwide.

The Irish Design 2015 presence in Milan includes exclusive launches of new furniture ranges. The latest work by Snug is defined by simplicity, functionality and playfulness, while the working ethos of Designgoat is typified through collaborative projects that create experience. Showing the diversity of their approach to interdisciplinary design, they have worked with Garrett Pitcher to fuse his experience in fashion and branding with furniture design to create the Dyflin chair and magazine rack.

Perch Dynamic Solutions have worked collaboratively for a number of years with Thomas Montgomery, one of Ireland’s leading contemporary soft seating and upholstered furniture manufacturers, to realize Float. Based around the idea of encouraging and improving informal interactions for workers, the concept grew from observations of people working in small groups and individually. Float’s aesthetic is guided primarily by the spatial requirements of the dynamic human form and the subsequent angles of interaction when engaged in collaboration.

Working with Labofa, a Danish manufacturer specialising in the development and production of chairs and furniture for educational environments, Perch have developed RAY. The result of a research- led process that aims to reduce the interactive complexity of a chair enabling a high level of adjustability to create a new generation

of ergonomic school furniture, RAY Junior is an evolved concept, released in Milan for 2015. It is a demonstration of how to achieve flexible sitting, with effective height and angle adjustments on both chair and desk with almost no mechanisms, levers or complications. Just pure reductive, simplistic design.

The furniture of Claire Anne O’Brien is truly unique. It draws on Ireland’s material heritage and traditional techniques such as weaving, knotting and basketry to make playful investigations into structure and form using the unique properties of knit. O’Brien is developing concepts for a collaboration later in 2015 with Ceadogán Rugs whose work with ceramicist Andrew Ludick transforms the intricate nuances of his small scale ceramic pieces into dynamic textiles with a strong graphic signature. Ludick’s bold colourful ceramics provide contrast to the highly structured and pared back forms of Derek Wilson’s ceramic vessels which command a presence
all of their own.

Grafton Architects have a long relationship with Milan. Renowned for their design of the Luigi Bocconi University, their scale models for the design of UTEC in Lima, Peru display how the influence of visual language and materiality from Bocconi permeates new large scale projects. Their collaboration with Graphic Relief, who have developed the capability to produce extremely fine detail moulds to cast a variety of different materials, is in its infancy but has the potential to add an exciting layered and detailed dimension to their use of architectural building materials.

Moving from the public realm to the domestic interior, Studio AAD present Modern Irish Life a cabinet curated by them and designed by John McLaughlin Architects. The cabinet or dresser, has long been the backdrop to Irish life. Taking pride of place in the home, it facilitated a mixture of specific and general functions. The Cabinet of Modern Irish Life provides a window into contemporary Irish life and the design that binds it together.

Creative collaboration is a permanent work in progress. It is a collective process made and remade, revised and reiterated, reinterpreted and reimagined. Liminal is a laboratory to reveal this evolutionary process, presenting, archiving and transforming new design processes and products at a series of public events at design fairs across the globe.

We welcome your contributions to this journey.

L’opportunità di unire una diversa serie di abilità, materiali, riferimenti e prospettive per arricchire il processo del design e per tracciare la loro evoluzione durante un periodo di tempo è un’interessante proposta. Liminal fornisce la spinta e lo spazio per una serie di relazioni collaborative di desing da far emergere durante l’Irish Design 2015.

Per sua natura, la collaborazione richiede un livello di fiducia e apertura mentale: ci sono risultati sconosciuti, inattesi e involontari. Abbiamo scelto e invitato designer per lavorare insieme con un obiettivo e una determinazione comune per creare una storia tra il loro processo creative e uno che è influenzato da parametri di collaborazione, tempo e materiale.

Liminal vuole sfidare intenzionalmente le norme, presentando un lavoro che pone delle domande sul design al pubblico settimanale, e lo invita a un dialogo collaborative. La natura delle nascenti collaborazioni di design rappresentata a Milano attraversa la disciplina del design. I progetti cambiano in modo significativo nel loro contesto, scopo e obiettivo. Vanno da opera speculative orientate al futuro ideate per essere di natura sperimentale a collaborazioni molto significative che puntano alla vendita. Alcuni come Kelp, una collaborazione tra Design Goat e Katie Sanderson, sono interventi giocosi che offrono letteralmente un “assaggio del design irlandese”, con stagionate trote con alghe presentate come antipasto servite in un contenitore disegnato appositamente. Il Calor Mini BBQ portatile fatto da Design Partners rappresenta un’iniziativa commerciale di ampia attrattiva. Si rivolge a una demografia ampia che va dall’urbanità mobile con un gusto per il cibo e l’avventura alle famiglie a cui piace una cena all’aperto. La collaborazione tra Think e Sons (la designer Annie Atkins e la scrittrice Eoghan Nolan) e Seymours Biscuits offra qualcosa di dolce disegnato per raccontare stravaganti storie della cultura irlandese e qualche storia attuale non troppo distante dal passato.

La narrative e il racconto di storie è profondamente legato al design e alla cultura irlandese.

Molte coinvolgenti storie sono emerse come quella di Mourne Textiles. Nel 1951 il Mourne Milano Rug (tappeto), designato da Gerd Hay-Edie, il fondatore della Mourne Textiles, fu esposto alla Triennale di Milano, come parte di una stanza esposta con mobili di Robin Day, in cui vinse la medaglia d’argento. Questo stesso tappetto insieme al Mourne Check fatto a mano e ai tessuti per accessori Mourne Mist disegnati nel 1952 da Hay-Edie è stato rimesso in produzione e sarà portato di nuovo a Milano attraverso una collaborazione con lo studio di Design Notion, creando una sottile armonia tra i mobili e gli accessori.

Peter Sheehan e Cathal Loughnane esporranno la History Chair, ispirata all’impressionante percezione di sé che la gente adulta acquista attraverso le esperienza di vita, riflettendo una storia che è permeata di qualcosa di preciso e duraturo. La History Chair è un insieme completamente riuscito di funzionalità, tecnologia, connessione umana, perfezione di materiali e storia. L’impatto emotivo di ricordare e rivivere un determinato momento nelle nostre vite sulla base dell’ispirazione per la nuova collaborazione Ibi. Disegnata come un oggetto prezioso e personale, permette a un individuo, attraverso un gesto semplice, di essere immediatamente trasportato in un posto e in un momento. Ibi è presentato insieme alla collezione di vetri Empire-Lighting disegnata da Bickers and Rothschild.

La narrativa ha un forte riflesso nel lavoro di Patrick Stevenson Keating dello Studio PSK che risponde alle del giornalista Fintan O’Toole sul futuro speculativo dell’Irlanda. La conversazione incentrata sul tema del “Living” riguarda elementi del quotidiano come il cibo, la casa e il tempo libero, e tutto ciò che può essere trasformato in maniera radicale grazie al design sviluppato dall’avanguardia tecnologica. Lo si può vedere negli oggetti esposti creati da stampanti 3D a colore ed ecologiche Mcor Technologies.

L’abilitá mostrata da Design Partners nel fornire soulzioni di design attraverso una serie di discipline del design dei prodotti e del digitale viene portata alla luce nella loro gamma di prodotti che va dall’apribottiglia Le Cresuet “Activ-Ball” al Calor BBQ. Appare appropriata la scelta di Milano come luogo d’incontro per l’inaugurazione di una nuova tecnologia, risultato di una collaborazione con Seed Labs che rivoluzionerá il nostro modo di interagire nella vita privata e nel contesto lavorativo.

Il lavoro di Zero-G, il cui progetto di partenza è la costituzione irlandese del 1937, riflette viaggi che ci portano nel passato e nel futuro dell’Irlanda. Nel giro di alcuni mesi, Zero-G traccerá la mappa dell’evoluzione delle strutture legislative, giudiziarie, esecutive e locali del governo ai fini di creare un’infografica che riporti i dati complessi in un’unica veduta. La sfida di catturare e trasmettere informazioni è in primo piano per Smarter Surfaces, i quali hanno sviluppato una gamma di prodotti in grado di trasformare qualsiasi muro in una parete bianca, una superficie magnetica o uno schermo proiettore, il che li ha portati ad essere molto popolari tra gli architetti e i designer di tutto il mondo.

La presenza dell’Irish Design 2015 a Milano include anche il lancio di serie di arredamento. Il lavoro innovativo di Snug è definito dalla semplicitá, dalla funzionalitá e dalla giocositá, mentre l’ethos lavorativo di Designgoat è caratterizzato dalla collaborazione di progetti che creano esperienza. Essi hanno apportato la diversitá del loro approccio al design interdisciplinare nella collaborazione con Garrett Pitcher mettendo insieme la sua esperienza nella moda e nel marchio con il design dell’arredamento portando alla realizzazione della sedia e del portariviste Dyflin.

Perch Dynamic ha lavorato per molti anni in collaborazione con Thomas Montgomery, uno dei produttori irlandesi leader contemporanei di sedie imbottite e tappezzate, per realizzare Float. Basato sull’idea di incoraggiare e di migliorare le interazioni informali dei lavoratori, il concetto è stato sviluppato in seguito all’osservazione di persone che lavoravano in piccoli gruppi e individualmente. L’estetica di Float è guidata principalmente dai requisiti spaziali del modello dinamico umano e i successivi spazi di interazione nel lavoro in collaborazione.

Grazie al lavoro con Labofa, un produttore danese specializzato nello sviluppo e nella produzione di sedie e arredamento degli ambienti destinati all’ambito scolastico, Perch ha creato RAY.
Il risultato di una ricerca ha dato il via a un processo che riduce la complessitá interattiva di una sedia portando un alto livello di flessIbilitá allo scopo di creare una nuova generazione di arredamento ergonomico per la scuola, RAY JUNIOR, un’idea evoluta, lanciata a Milano per il 2015. È una chiara dimostrazione di come raggiungere flessIbilitá nell’arredamento, con efficaci modfiche dell’altezza e del’angolo sia della sedia che della scrivania senza quasi nessun meccanismo, leve o complicazioni.

L’arredamento di Claire Anne O’Brien è davvero unico. Ha le radici nel patrimonio materiale e nelle tecniche tradizionali irlandesi come la tessitura, l’ annodatura e la cesteria per creare motivi scherzosi nella struttura e nella forma adoperando solo il lavoro ai ferri. O’Brien ha in mente idee per una collaborazione successiva nel 2015 con Ceadogán Rugs il cui lavoro con il ceramista Andrew Ludick è in grado di trasformare le delicate sfumature dei suoi pezzi in ceramica di piccole misure in dinamiche tessiture con una forte impronta grafica. Le ceramiche dai colori audaci di Ludick contrastano con i modelli precedenti dei vascelli in ceramica di Derek Wilson.

Gli architetti di Grafton Architects sono da anni conosciuti a Milano. Rinomati per il loro design dell’Universitá Luigi Bocconi, i loro modelli in scala per il design di UTEC a Lima, Peru mostrano come l’influenza del linguaggio visivo della Bocconi penetra nei nuovi progetti in scala maggiore. La loro collaborazione con Graphic Relief, che ha sviluppato la capacitá di produrre delle forme dal dettaglio elegante per lanciare una varietá di materiali diversi, risale ai tempi iniziali ma ha il potenziale di aggiungere un’ emozionante dimensione a strati e dettagliata al loro uso di materiali adIbiti alla costruzione architettonica.

Muovendosi dal settore pubblico al desing d’interni, lo Studio AAD present la Vita moderna Irlandese. L’armadio, o il guardaroba, è stato a lungo lo scenario della vita irlandese. Essendo orgogliosi del posto in casa, questo ha facilitato un’insieme si funzioni specifiche e generali. Contenendo piatti e bicchieri ma anche panni per il te e cibo, biglietti per l’autobus, calendari e anche volantini essendo un appendino per cappelli e cappotti. L’armadio Modern Irish Life è stato curato dallo studio AAD per fornire una finestra sulla vita contemporanea irlandese e il design che li lega.

La collaborazione creativa è un lavoro in continuo cambiamento. È un processo collettivo in continua evoluzione, rivisitato e ripetuto, reinterpretato e reimmaginato. Liminal è un laboratorio per rivelare questo processo rivoluzionario, presentando, archiviando e trasformando i processi del nuovo design e i prodotti durante una serie di eventi pubblici attraverso fiere del design in tutto il mondo.

Sei il benvenuto in questa avventura